COMITATO PER BOLOGNA SANITA' E CONOSCENZA

Indietro


18 Ottobre 2006
Convegno organizzato dal BSC Comitato per Bologna Sanità & Conoscenza, per conto della Polizia di Stato sul tema: “Democrazia e legalità nella società complessa”. Giornata di Studio e Dibattito, svolta nell’Aula Magna di S. Lucia dell’Università di Bologna

Rassegna Stampa


Articolo sul sito Magazine dell'Università di Bologna

Democrazia e legalità nella società complessa
Aula Magna di Santa Lucia
18 ottobre 2006

Istituzioni, esperti di varie discipline e cittadini di primo piano a Bologna si confronteranno sulle nuove problematiche legate a legalità e sicurezza.

Organizzata dal Comitato per Bologna, Sanità & Conoscenza per conto della Polizia di Stato in collaborazione con l'Alma Mater Studiorum, il prossimo 18 ottobre si terrà una Giornata di Studio e Dibattito sul tema: "Democrazia e legalità nella società complessa". All’incontro, ospitato nell’Aula Magna di Santa Lucia, saranno presenti i principali rappresentanti delle istituzioni cittadine: Pier Ugo Calzolari (Rettore dell'ALma Mater Studiorum), Francesco Cirillo (Questore di Bologna), Gaetano Bonaccorso (Comandante dei VII Reparto Mobile di Bologna), Sergio Cofferanti (Sindaco di Bologna), Beatrice Draghetti (Presidente della Provincia di Bologna), Vasco Errani (Presidente della Regione Emilia Romagna) e Vincenzo Grimaldi (Prefetto di Bologna).

Punto di partenza del confronto è la convinzione che la conservazione della democrazia e della legalità nella nostra società complessa si ottiene con il concorso di tutte le componenti sociali e in primo luogo dei giovani. "Chi minaccia ora la libertà?", si chiederanno i convegnisti, costruendo un’ampia panoramica, sulle nuove problematiche aperte dal terrorismo e su tanti aspetti del disagio giovanile, dell’emarginazione, della protesta e della deviazione criminale.

Organizzata dal Comitato per Bologna, Sanità & Conoscenza per conto della Polizia di Stato in collaborazione con l'Alma Mater Studiorum, il prossimo 18 ottobre si terrà una Giornata di Studio e Dibattito sul tema: "Democrazia e legalità nella società complessa". All’incontro, ospitato nell’Aula Magna di Santa Lucia, saranno presenti i principali rappresentanti delle istituzioni cittadine: Pier Ugo Calzolari (Rettore dell'Alma Mater Studiorum), Francesco Cirillo (Questore di Bologna), Sergio Cofferati (Sindaco di Bologna), Beatrice Draghetti (Presidente della Provincia di Bologna), Vasco Errani (Presidente della Regione Emilia Romagna) e Vincenzo Grimaldi (Prefetto di Bologna) e Gaetano Bonaccorso (Comandante dei VII Reparto Mobile di Bologna).

Punto di partenza del confronto è la convinzione che la conservazione della democrazia e della legalità nella nostra società complessa si ottiene con il concorso di tutte le componenti sociali e in primo luogo dei giovani. "Chi minaccia ora la libertà?", si chiederanno i convegnisti, costruendo un’ampia panoramica, sulle nuove problematiche aperte dal terrorismo e su tanti aspetti del disagio giovanile, dell’emarginazione, della protesta e della deviazione criminale.

A partire dalle 9 del mattino si susseguiranno gli interventi di Stefano Canestrari (Preside della Facoltà di Giurisprudenza), Franco Frabboni (Preside della Facoltà di Scienze della Formazione), Mario Sacco (Oncologo), Claudio Borghi (Ordinario di Medicina Interna), Antonio Roversi (Docente di Sociologia - Facoltà di Scienze della Formazione), Franco Naccarella (Cardiologo), Renzo Ulivieri (Allenatore del Bologna F.C.), Alberto Benati (Dirigente Urologo), e il Cav. Luigi Pagnoni (Segretario del Comitato Bologna Sanità & Conoscenza).

Alle 15, con il coordinamento di Giancarlo Mazzuca - Direttore del "Quotidiano Nazionale " e de "Il Resto del Carlino", partirà poi la tavola rotonda a cui prenderanno parte Gianfranco Pasquino (Ordinario di Scienza della Politica), Vittorio Volterra (Ordinario di Psichiatria), Lucio Pardo (Docente di Ebraismo presso lo Studio Teologico Domenicano), Luisa Brunori (Straordinaria di Psicologia dei Gruppi) e Cosimo Braccesi (Responsabile Politiche per la Sicurezza e la Polizia locale - Regione Emilia Romagna).

Al dibattito sono state invitati i ragazzi delle Scuole Superiori, i Carabinieri, la Finanza, l'Esercito la sanità, e la società civile.


Comunicato Stampa

GIORNATA SI STUDIO E DIBATTITO

“DEMOCRAZIA LEGALITA’ NELLA SOCIETA COMPLESSA”
Prevenzione e management dell’evento critico
Mercoledì 18 ottobre 2006 alle ore 10.00
Nell’Aula Magna di S. Lucia – Università di Bologna
V. Castiglione 36 – Bologna

Comunicato stampa.
La conservazione della democrazia e della legalità nella nostra società complessa si ottiene con il concorso di tutte le componenti di questa società, in primo luogo le forze dell’ordine, ed insieme a loro tutta la società civile, nelle sue varie componenti.
Innanzitutto i giovani. E’ fondamentale educarli a valutare il fatto che la libertà è un bene di tutti , limitato solo dalla libertà degli altri e deve essere mantenuta e salvaguardata da tutti, con uno sforzo congiunto , secondo le possibilità di ognuno.
Chi minaccia ora la libertà? La criminalità ed il terrorismo. Qual’è la difesa? L’informazione, la conoscenza e la prevenzione, la partecipazione e l’intervento.
Questo è lo scopo del convegno, questo è l’obiettivo comune che ha unito la Polizia di Stato , l’Università di Bologna ed il BSC Comitato per Bologna Sanità Conoscenza.
Per quanto concerne la lotta alla criminalità il convegno presenterà un’ampia panoramica , su tanti aspetti del disagio giovanile, dell’emarginazione, della protesta e della deviazione criminale.
Ma ora, si è affacciato sull’orizzonte, un nuovo tipo di criminalità tanto più pericoloso quanto più è sconosciuto ed imprevedibile: il terrorismo.
Che cosa spinge un cittadino britannico a diventare un terrorista suicida? Chi ci garantisce dall’emulazione che siffatti personaggi possano provocare nel resto del mondo?
Recenti fatti internazionali hanno dimostrato, che la lotta al terrorismo, a differenza di altri conflitti precedenti, non si combatte fra stati contrapposti, ma all’interno stesso delle società civili.
La democrazia da sola non basta a difenderci dal terrorismo e dalle altre realtà criminali organizzate.
Occorre che la popolazione sia educata alla libertà ed alla democrazia, perché le possa conservare.
Il semplice diritto di voto non basta, anche se è l’espressione di ogni società democratica.
E’ da almeno quattro anni che si parla di un possibile attentato alla chiesa di S. Petronio. Che fare?
Certamente non voltare la testa dall’altra parte, ma neanche fare di ogni erba un fascio, suddividendo l l’umanità in buoni e cattivi, pregiudizialmente e non secondo il loro comportamento.

 


Indietro


A cura di Comitato per Bologna Sanità e Conoscenza. Tutti i diritti riservati
Ospitato da Brosnet